Il nostro network: News e Eventi | Ultim'ora e Politica | Hotels e Alloggi
Domenica 22 Ottobre 2017
English

Tre trapianti doppi di polmone, con 6 organi impiantati, in quattro giorni

Firenze - COMUNICATO STAMPA

COMUNICATO STAMPA

Tre trapianti doppi di polmone, con 6 organi impiantati, in quattro giorni

Nuova speranza per 3 pazienti affetti da gravi patologie terminali

AOU Senese

Tre trapianti doppi di polmone, con sei organi impiantati, in quattro giorni. È questo il bilancio di un fine settimana estremamente intenso per l'UOC Chirurgia Toracica, diretta dal professor Piero Paladini e per tutto il team multidisciplinare e di sala operatoria dell'unico centro trapianti di polmone della Toscana, operativo al policlinico Santa Maria alle Scotte. Tra giovedì 14 e domenica 17 settembre, si sono infatti succeduti tre complessi interventi che hanno dato nuova speranza ad altrettanti pazienti rispettivamente di 61, 64 e 43 anni, affetti da gravi malattie terminali. A loro è stata restituita la capacità di respirare e di tornare a vivere grazie alla generosità dei familiari di tre donatori provenienti da Firenze, Lucca e Roma. Il team multidisciplinare che ha effettuato con successo i tre interventi era formato da chirurghi toracici, cardiochirurghi, anestesisti, perfusionisti, infermieri, operatori socio-sanitari, immunologi, infettivologi, biologi, psicologi, professionisti del coordinamento donazione organi e tessuti e tante altre figure professionali che, con ruoli diversi ma tutti fondamentali, intervengono tutte le volte che si attiva la complessa macchina della donazione e trapianto d'organi. "Gli interventi sono andati bene - spiega il professor Paladini - e ringrazio tutto il team per il grande impegno profuso in questi giorni. Per il gruppo trapiantologico senese sono stati quattro giorni molto intensi che hanno portato a questo risultato grazie ad un'équipe multidisciplinare affiatata e rodata nel tempo, in grado di affrontare tutte le problematiche che il percorso del trapianto può presentare prima, durante e dopo l'intervento. In due casi - prosegue Paladini - abbiamo attivato anche la circolazione extracorporea, grazie alla fondamentale collaborazione dei cardiochirurghi e dei perfusionisti. Inoltre, nell'ultimo intervento, abbiamo attivato l'urgenza nazionale, evento che si verifica quando un paziente in lista d'attesa presenta un grave peggioramento clinico. La paziente era stata trasferita a Siena dall'ospedale di Livorno, intubata circa due settimane fa e ricoverata presso il reparto di Rianimazione I del nostro ospedale, diretto dal professor Sabino Scolletta dove, dopo due giorni, è stata instaurata una circolazione extracorporea mediante l'ausilio dell'ECMO. Dopo due settimane di attesa - aggiunge Paladini - è finalmente giunto un donatore idoneo compatibile con la paziente. La donna è tuttora in prognosi riservata, ancora intubata e in ECMO, ma con buoni segnali di ripresa. Un grande ringraziamento - conclude Paladini - va alle famiglie dei donatori per la grande generosità che permette di arrivare al trapianto". I pazienti sono affidati alle cure della UOC di Anestesia e Terapia Intensiva Cardiotoracica, diretta dal dottor Luca Marchetti e sono seguiti dall'UOC Malattie Respiratorie, diretta dalla professoressa Paola Rottoli, sia nel periodo preoperatorio che durante il follow-up e per tutte le necessità cliniche.

Il contenuto e’ stato pubblicato da Azienda Ospedaliera Universitaria Senese in data 20 settembre 2017. La fonte e’ unica responsabile dei contenuti.
Distribuito da Public, inalterato e non modificato, in data 20 settembre 2017 09:32:05 UTC.

[Fonte: Firenze OnLine]

Condividi su: Facebook Digg Delicious Technorati Google Bookmarks OK Notizie Wikio Italia

Mappa

Calcola percorso in auto

Firenze OnLine pubblicità

SCG AdNetwork

Fai pubblicità con gli annunci SCG AdNetwork nella sezione Banner sponsorizzati a fianco o all'interno degli articoli del portale per aumentare il traffico e le vendite sul tuo sito. Modalità Pay per Click, Pay per Impressions, Pay per Day. Fatti trovare. Contattaci per un preventivo.